Estate e danni alle mucose: un eccesso di aria condizionata può causare rinite secca e disturbi respiratori, ma le nebulizzazioni di acido ialuronico 9 mg ad alto peso molecolare rappresentano un efficace rimedio, come consigliano gli Specialisti.
 

Per difenderci dal caldo estivo ci sottoponiamo ogni anno, più o meno volontariamente, a un massiccio “bombardamento” di aria condizionata: tra uffici, negozi e mezzi di trasporto, senza contare l’ormai ampia diffusione degli impianti domestici, per almeno un paio di mesi, il nostro naso è costretto a fare i conti con un’aria priva di umidità che determina secchezza e infiammazione delle mucose.
Si tratta della cosiddetta rinite secca, i cui sintomi vanno dalla difficoltà di respirazione, al prurito a naso e gola, alla riduzione dell’olfatto, fino al sanguinamento del naso.

Per rimediare ai danni dell’estate, la soluzione ideale suggerita dal Prof. Matteo Gelardi, Specialista in Otorinolaringoiatria e responsabile del Centro di Rinologia del Policlinico Universitario di Bari, è la somministrazione topica di acido ialuronico 9 mg ad alto peso molecolare nebulizzato, in grado di idratare la mucosa e ripristinarne l’ottimale funzionalità.
Come ricorda il Prof. Gelardi, grazie all’innovativo device portatile YABRO® Spray-sol, è oggi particolarmente semplice ricorrere a questo trattamento di grande utilità per adulti e bambini, sia in fase terapeutica, sia come prevenzione.
L’acido ialuronico è uno dei componenti fondamentali dei tessuti umani, e ne garantisce idratazione, elasticità e resistenza, ma per agire con la massima efficacia, le gocce nebulizzate devono avere un diametro intorno ai 10 micron: dimensione ottenibile in modo pratico e veloce con il nuovo dispositivo, senza bisogno di utilizzare i tradizionali apparecchi per aerosol.

Le particelle di questa grandezza si depositano sulla mucosa nasale, restituendogli tutte le caratteristiche che gli permettono di svolgere al meglio la loro funzione protettiva e di umidificazione dell’aria inspirata.
Le mucose che ricoprono le cavità nasali sono infatti deputate alla produzione di muco (fino a 300 ml al giorno) che imprigiona le particelle nocive provenienti dall’esterno, come polveri, pollini, batteri e virus, e le espelle mediante il continuo movimento di particolari cellule ciliate (clearance mucociliare).
Eventuali alterazioni del microclima dell’aria che respiriamo, soprattutto per quanto riguarda il tasso di umidità, pregiudicano il buon funzionamento di questo meccanismo. Ecco allora che l’aria più secca prodotta dall’aria condizionata – ma attenzione anche al riscaldamento invernale, agli ambienti fumosi e all’uso di alcuni farmaci – riduce la capacità protettiva delle mucose, che spesso reagiscono all’insulto con la produzione di croste.

YABRO® Spray-sol, un device da premio

La grande innovazione rappresentata da un dispositivo portatile adatto a tutti, semplice e confortevole da utilizzare in ogni momento, in grado di prevenire e rimediare efficacemente ai danni subiti dalle mucose nasali è stata “decretata” ufficialmente anche dalla Comunità Scientifica.
Nel corso del 26° Ers International Congress, il Congresso annuale dell’European Respiratory Society (Londra 3-7 settembre), YABRO® Spray-sol è infatti risultato tra i quattro vincitori del POINT Award (Product of Outstanding Interest), premio istituito dalla Società Respiratoria Europea come riconoscimento per i medical device più innovativi in ambito respiratorio, in grado di migliorare la salute dei pazienti attraverso maggiore praticità, comfort e rapidità di assunzione della terapia.

Ultimo aggiornamento: 15/09/2016