Si chiamano telomeri quelle sezioni protettive del dna che “incapsulano” la parte terminale dei cromosomi e funzionano come un orologio per la vita della cellula: si accorciano ogni volta che questa si divide, portandosi via poco alla volta la capacità cellulare di funzionare al meglio.
Nascere con i telomeri già relativamente corti è stato associato all’insorgenza di diverse malattie, mentre ereditarli più lunghi si pensa sia in grado di farci vivere meglio e più a lungo. Come riporta la CBS, uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association ha adesso messo in relazione la lunghezza dei telomeri anche alle nostre capacità di difesa contro il e l’influenza.
Ma andiamo con ordine: si tratta di telomeri particolari. I ricercatori della Sheldon Cohen of Carnegie Mellon University hanno prima misurato la lunghezza dei telomeri di 152 volontari sani tra i 18 e i 55 anni. Poi li hanno esposti al virus responsabile del comune raffreddore, li hanno isolati in camere singole per 5 giorni, e hanno quindi valutato se avessero sviluppato l’infezione. In 105 hanno contratto il virus, ma solo 33 hanno preso il raffreddore: tra questi si concentravano gli individui con i telomeri più corti, che tuttavia si ammalavano solo se avevano più di 21 anni.
Tranquilli però: se vi viene spesso il raffreddore non significa che avrete anche più possibilità di ammalarvi in generale o che siete destinati a una vita breve. La relazione è infatti stata trovata in telomeri molto specifici: quelli di cellule del sangue chiamate CD8CD28 T-cell, non a caso determinanti per difenderci dalle infezioni.
Inoltre, possiamo prendere spesso il raffreddore anche per altri motivi: stiamo troppo o troppo poco all’aria aperta durante l’inverno o nelle mezze stagioni (il freddo abbassa il sistema immunitario, ma l’aria chiusa facilita le infezioni); ci laviamo troppo o troppo poco (lavarci spesso le mani aiuta a proteggerci, ma un’igiene troppo accurata non ci aiuta a sviluppare difese adeguate); mangiamo male e soprattutto mangiamo poca frutta e verdura.
Inoltre, hanno sottolineato i ricercatori, questo studio ha analizzato il legame tra telomeri e raffreddore per la prima volta, e altre conferme serviranno per poter affermare con certezza che la lunghezza di quei telomeri è direttamente proporzionale al numero di starnuti che affronteremo nella vita.

Life.wired.it, 27 Febbraio 2013