Gli Specialisti avvertono da tempo dei possibili rischi legati a un’eccessiva prescrizione di terapie antibiotiche, largamente impiegate soprattutto per il trattamento delle infezioni alle vie respiratorie. Gli esperti sottolineano che in molti casi l’uso di questi farmaci non è affatto una scelta obbligata: le alternative concrete esistono, in particolare sotto forma di acido ialuronico ad alto peso molecolare somministrato tramite nebulizzazioni nasali, in grado di garantire la salute delle mucose respiratorie.
L’abuso di antibiotici sta al portando a un preoccupante aumento del fenomeno delle resistenze batteriche e di altri insidiosi effetti collaterali come le reazioni allergiche.
Proprio a causa di quest’ultimo motivo, l’Agenzia Italiana del Farmaco – AIFA ha disposto ad aprile 2016 la procedura di revoca e il ritiro immediato delle confezioni presenti sul mercato italiano del medicinale “Locabiotal 50 mg/5 ml soluzione per via orale e nasale – flacone da 15 ml”, contenente l’antibiotico fusafungina, impiegato come antibatterico locale e come agente antinfiammatorio per il trattamento delle malattie delle vie aeree superiori (sinusite, rinite, laringite, ecc.).

Il provvedimento giunge a seguito di una conclusione del Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’Agenzia Europea per i Medicinali – EMA, che ha stabilito che “i benefici della fusafungina non ne superano i rischi, in particolare per la possibile insorgenza di gravi reazioni allergiche”.
Gli effetti collaterali legati all’impiego di fusafungina in spray nasale si sono a volte verificati, subito dopo la somministrazione del farmaco, in forma di reazioni broncospastiche e difficoltà respiratorie, ma AIFA ha anche messo in dubbio i reali effetti benefici dell’antibiotico in questione, oltre a non escludere un suo possibile ruolo nel favorire il fenomeno dell’antibiotico-resistenza.

Le ragioni per cercare soluzioni alternative agli antibiotici dunque non mancano, meglio se efficaci e sicure come l’acido ialuronico 9 mg ad alto peso molecolare, oggi facilmente somministrabile grazie a un nuovo device chiamato SpraySol®.

L’acido ialuronico è uno dei componenti fondamentali dei tessuti umani, mucose respiratorie comprese, perciò eventuali reazioni avverse al suo impiego terapeutico sono assolutamente da escludere.

A questa garanzia, va aggiunta l’efficacia della sua azione, confermata da diversi studi, nel favorire la rimozione delle particelle estranee nocive e nel prevenire le infezioni ostacolando l’adesione batterica, oltre che nel velocizzare la guarigione da eventuali danni alla mucosa nasale.

Ultimo aggiornamento 09/05/2016